A cento anni dalla Vittoria. Besano e le celebrazioni della Prima Guerra Mondiale

Esattamente cento anni fa l’Italia usciva dalla Prima Guerra Mondiale, vittoriosa ma con grandi ripercussioni sul Paese.

L’importanza di ricordare gli eventi che portarono a compimento la reale formazione della nostra coscienza nazionale, dovrebbe essere imprescindibile per qualsiasi nazione moderna che naturalmente ricorda e celebra le tappe fondamentali della propria storia come avviene in tutti gli Stati del mondo.

La Prima Guerra Mondiale, nonostante un – voluto – accantonamento di certi fatti che videro protagonista il nostro esercito, i nostri nonni e bisnonni, resta radicata nell’immaginario collettivo e popolare; toponimi e luoghi come il Monte Grappa e l’Ortigara, il Piave e l’Isonzo, oppure episodi come Caporetto e Vittorio Veneto, sono evocativi di una sorta di epopea che coinvolse i nostri soldati in modo eroico.

Dovrebbe essere naturale un approfondimento scolastico, mediatico e istituzionale ad un secolo di distanza dalla nostra vittoria contro l’esercito austro-ungarico, ma purtroppo così non è.

Le istituzioni stesse sembrano essersene dimenticate ma, nel mio piccolo, come sindaco di un piccolo Comune della Valceresio, ho deciso di andare in controtendenza, poiché credo fermamente in quello che la Prima Guerra Mondiale rappresenta o dovrebbe rappresentare per tutti noi italiani.

A tal proposito il Comune di Besano organizza la manifestazione “Cent’anni dalla Vittoria!”, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Consistente in una serie di iniziative che attraverseranno la vita del comune da Giugno a Novembre.

Dal 16 giugno al 1 Luglio presso la sala consiliare sarà ospitata una mostra di cimeli storici di una collezione privata: cartoline, medaglie e oggetti della Grande Guerra (dalle ore 15.00 alle 19.00 tutti i giorni. Sabato e domenica dalle 10.00 alle 12.30. Ingresso libero).

Sabato 7 Luglio il momento forte: un’intera giornata dedicata al tema, con esposizione di mezzi militari e villaggio militare a partire dal mattino, per proseguire nel pomeriggio con una rievocazione storica, un breve concerto della fanfara dei bersaglieri e alle ore 17.00 la sfilata istituzionale per le vie del paese che si snoderà dal Comune al monumento ai caduti, per terminare in area feste alla presenza di autorità, associazioni d’arma e forze dell’ordine. Durante tutta la giornata sarà aperto il banco gastronomico presso la Festa del Gruppo Alpini di Besano, in via Fermi.

Dal 15 al 30 settembre sempre nella sala consiliare del Municipio, sarà ospitata la Mostra del Museo Storico della Guardia di Finanza di Roma: 23 pannelli che raccontano l’impegno dei Finanzieri durante la Prima Guerra Mondiale.

Infine il 4 Novembre si terrà la consueta cerimonia di ricordo della Vittoria con deposizione di una corona al monumento ai caduti e conferimento targhe in memoria.

Non posso che augurarmi personalmente di avere un grande riscontro da parte della cittadinanza e del pubblico per queste iniziative pensate per celebrare, ricordare ed avvicinare, specie i più giovani (ma non solo) alle vicende e alla memoria storica che, cent’anni fa, toccò l’Italia intera e segnò una tappa fondamentale per tutti gli italiani, dalle Alpi alla Sicilia.

 

 

Leslie Mulas, Sindaco di Besano

in: Varese e dintorni
11 giugno 2018