Discarica abusiva a Cerano: interrogazioni in Comune e Provincia

Come noto, il 19 Ottobre scorso i Carabinieri Forestale hanno sequestrato, in seguito ad una operazione, una discarica con rifiuti pericolosi e non su un’area di 8000 mq a Cerano: il deposito e la gestione della notevole quantità di rifiuti eterogenei è stata effettuata in maniera abusiva, in assenza della debita autorizzazione ambientale. «Si tratta di una notizia che ha avuto un significativo risalto sui media locali – spiega Monica Aina, Consigliere comunale di Cerano – e sul quale non mi spiego il silenzio dell’Amministrazione: a maggior ragione perché sembra si tratti di rifiuti pericolosi. In casi come questi il Comune deve attivarsi per ordinare la bonifica dell’area interessata; qualora i colpevoli della violazione non dovessero provvedervi, è il Comune a doversi attivare direttamente, rivalendosi sui trasgressori. Non a caso, abbiamo chiesto al Sindaco di riferire in Consiglio comunale per quali misure siano già state messe in atto e se le voci di una massiccia presenza di amianto (eternit) corrispondono al vero». «Alle Province – prosegue il Consigliere provinciale Andrea Crivelli – compete specificamente “il controllo e la verifica degli interventi di bonifica ed il monitoraggio ad essi conseguenti” (d.lgs. 156/2006, art. 187 c. 1 lettera a); insieme ai Consiglieri De Grandis, Leoni, Marcassa e Piantanida abbiamo quindi chiesto alla Provincia copia di tutta la documentazione relativa a questa grave situazione e abbiamo chiesto al Presidente di riferire in Consiglio in merito alla necessità di bonifica dell’area interessata e quali provvedimenti intende prendere la Provincia».
in: Novara e dintorni
03 Dicembre 2017